La consulenza per il lavoro

Il lavoro, si sa, è di per sé un’attività non facile ma possiamo dire banalmente, vitale. Anche se come si può leggere ogni giorno sui giornali scarseggia sempre di più, la consulenza del lavoro è sempre attiva, data anche l’abnorme numero di leggi che regolano questo tipo di rapporto tra due parti, rendendolo a volte complicato dove non serve. Ma le difficoltà di interpretazione e di applicazione di norme importantissime come quelle sulla previdenza sociale, può essere attenuata rivolgendosi a consulenti del lavoro, che si trovano in tutte le città.

Basta dare una scorsa all’elenco telefonico di una città friulana qualsiasi che si trova subito alla voce consulenti del lavoro a Udine, lo Studio Milocco. Come questo studio ha una storia trentennale e continua di generazione in generazione, così è da tenere sempre sotto attenzione il grado di aggiornamento dei consulenti del lavoro, dato il continuo rinnovarsi delle leggi.

Bisogna infatti interpellare un consulente del lavoro per questioni delicate come la busta paga, la compilazione del TFR o quando si deve ricorrere allo strumento della cassa integrazione. Anche in momenti più felici, di espansione, conviene rivolgersi a questi professionisti sulle questioni di espansione commerciale e quindi assunzioni di “massa”. Ma il lavoro dei consulenti del lavoro non finisce certamente qui.

C’è una parte di gestione personale che spesso è lasciata in disparte ma che è al centro della vita di un’azienda. Infatti ci sono numerose norme che richiedono degli adempimenti che garantiscono al datore di lavoro e ai lavoratori una corretta gestione di interessi, obblighi e diritti.

Infatti all’inizio di un rapporto di lavoro bisogna gestire tutta la documentazione, come la lettere di assunzione, la proroga etc. Nel mentre invece bisogna contabilizzare e “trasformare” in busta paga l’orario del lavoro effettuato da ogni singolo dipendente, le ferie, gli straordinari, i permessi,  e altro ancora.